Ritratto Fine Art in studio: ricreando la luce naturale… con una ringlight

Blog, Fotografia

Gli ultimi mesi sono stati impegnativi, soprattutto dal punto di vista mentale. Sono diventata molto apatica e le cose che prima mi davano piacere iniziarono a darmi noia. Pian piano ho ricominciato a recuperare. Desideravo recuperare in mano la macchina fotografica che, tra il problema al ginocchio che mi ha costretta alle stampelle per mesi prima e questa apatia dopo, l’avevo accantonata. Ho fatto qualcosina, in special modo autoritratti, perchè non avevo voglia di interagire con altre persone, ma sentivo che dovevo ricominciare a ricominciare i rapporti con gli altri.
Ho scritto a una modella con cui avevo collaborato più di un anno fa per il progetto di Ondine e con cui mi ero trovata molto a mio agio. In poche parole le ho detto: “sono totalmente bloccata, non riesco più a creare nulla e sono arrugginita nel mettere in posa le persone: vorresti aiutarmi facendo qualcosa di semplice e tranquillo, solo io, tu, la reflex nella pace di casa mia?”
Ed ecco come sono nate queste foto.
Ringrazio moltissimo Nanà per il supporto che mi ha dato e il bel pomeriggio passato insieme tra fotografia, chiacchiere e tè caldo. Grazie perchè credevo di essere bloccata e in poco più di mezz’ora (mai creato nulla così velocemente) abbiamo scattato tantissime belle fotografie.

Nana-tulipano-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-1Nana-tulipano-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-2Nana-tulipano-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-4Nana-tulipano-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-5Nana-tulipano-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-6Nana-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-1Nana-ritratto-fineart-veronica-pizzimento-2

PS. Un piccolo dietro le quinte. Volevo ricreare una luce che fosse il più possibile simile a quella naturale. E’ da un pò che studio come poterlo fare. Sono molto soddisfatta del risultato, realizzato soprattutto ingegnandomi con quello che avevo già in casa. Ho utilizzato una ringlight acquistata poche settimane fa e per diffonderne la luce il mio grosso pannello diffusore. Il problema è sorto dal fatto che non ho uno stativo adatto per sorreggere il pannello. Mi sono dovuta destreggiare mettendolo in bilico su una sedia, con una cassettiera, un manichino e attaccandolo a un cavalletto. Sembra una barzelletta e l’effetto “da fuori” è orribile. 😅 Però ha funzionato benissimo.
Questo per ricordare di non scoraggiarci se non possediamo certa attrezzatura costosa: con un pò di ingegno si può risolvere il problema.
Un bacio
Veronica

Modella: Veronica Nanà Bonfanti * instagram: @nananymphe
Tiara: Ayalgas * instagram: @ayalgas
Backdrop: KateBackdrop

sdrsdr

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...